Il bagaglio culturale che il singolo studente porta con sé e le attività che esso compie, curricolari e non, devono essere riconosciute come parte integrante del percorso formativo dell’individuo e contemporaneamente della vita comunitaria della città, provincia e regione d’appartenenza. In quanto tali, le attività culturali devono essere rese accessibili a tutti a livello socio-economico, con un piano strutturato che offra le stesse opportunità a tutti gli studenti della nostra regione.

Per questo abbiamo elaborato diverse proposte, qui riassunte per punti.

  • IoStudio/Carta dello Studente: assicurando la distribuzione della Carta in tutti gli istituti superiori del territorio, essa dovrà comportare riduzioni almeno del 50% sull’ingresso a spettacoli cinematografici, teatrali, musicali, mostre d’arte, gare sportive e altri eventi culturali tutti i giorni, dalle 15:00 fino all’ultimo spettacolo della sera. Nel corso della prima settimana del primo anno d’istruzione superiore, almeno un’ora di lezione deve essere dedicata alla spiegazione del funzionamento della Carta.
  • Dossier Culturale: ogni Provincia avrà l’obbligo di creare un dossier che contenga un elenco ed una descrizione di tutte le associazioni culturali e delle attività da queste promosse nel territorio. Il dossier verrà redatto in collaborazione con queste prima di ogni anno scolastico e distribuito in tutte le classi di tutti gli istituti superiori del territorio nel corso della prima settimana di questo.
  • Fondo Regionale Gite: la Regione creerà un fondo vincolato accessibile a tutti gli studenti che, per difficoltà economiche, si trovano impossibilitati ad accedere alle gite scolastiche offerte dalla scuola.
  • Laboratori e Città: verrà data la possibilità ai laboratori teatrali, musicali e artistici delle scuole di utilizzare i teatri presenti nelle diverse città per i propri spettacoli, con ingresso a prezzo basso per tutta la cittadinanza.